rotolo-della-scrittura

VI DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO

cristo-e-il-lebbroso-miniatura-medievale

*

La lebbra scomparve da lui ed egli fu purificato (Mc 1,40-45). Gesù guarisce dalla lebbra spirituale del mondo. Quando il lebbroso è chi crede di essere sano ma è corrotto nell’anima. 

*

Ascolta il Vangelo:

*

Omelia video del giorno 2018 (9 min):

Omelia audio del giorno 2018 (9 min):

*

Catechesi audio 2015 (31 min):

*
vi-to_google

INTRODUZIONE

La lebbra è una malattia che consuma la carne di un individuo ancora in vita. E’ una sorta di anticipazione della morte, nella quale la carne va in putrefazione. Per questo, può essere assunto come simbolo di tutte le malattie che consumano l’uomo, come anche dei mali spirituali che aggrediscono l’anima, divorandola e mandandola in putrefazione, a causa del peccato radicato nelle nostre profondità.

Gesù è colui che guarisce non solo l’uomo come individuo, ma l’umanità in quanto tale, da ogni lebbra, fisica o spirituale.

L’evangelista Marco, nella sezione del Vangelo che stiamo leggendo in queste prime domeniche del tempo ordinario, concentra una serie di racconti di guarigione attraverso i quali intende mettere in evidenza la rivelazione che Gesù è l’inviato di Dio, venuto nel mondo a compiere, in parole e in opere, con la potenza stessa di Dio, l’opera di ricostruzione dell’umanità frantumata.

Mentre però l’attenzione di noi, gente comune, va spesso al potere di guarigione di Gesù, occorre uno sguardo che sappia penetrare più profondamente dentro questi gesti, per capire che in ogni atto di guarigione, Dio sta dando prova della sua infinita misericordia di fronte alle sofferenze umane.

Le guarigioni che Gesù compie, pertanto, sono segni della misericordia di Dio e della sua volontà di salvezza.

Gesù non è soltanto un taumaturgo. Non ci si rivolge a lui solo per ottenere guarigioni. Egli è la manifestazione vivente del volto invisibile del Padre, di Colui che ha creato buone tutte le cose, che veglia sull’umanità malata, si china su di essa per prenderne cura, fasciare le sue ferite e riportarla alla sua condizione originaria.

Nella guarigione del lebbroso Cristo rivela se stesso come il Signore della vita…

(continua nell’audio-riflessione)

*

vi-to_preghiera_1

Print Friendly