rotolo-della-scrittura

V DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

Suegra+pedro+Meister_des_Hitda-Evangeliars_002

*

“Guarì molti che erano affetti da varie malattie” (Mc 1,29-39). L’umanità di Gesù, che porta Dio nel cuore della sofferenza del mondo, apre la strada alla guarigione del mondo stesso. Il Regno di Dio è giunto fino a noi nella persona di Cristo, sta rivelando i suoi primi frutti. E’ ora di convertirsi e credere al vangelo.

*

Ascolta il vangelo:

*

Omelia del giorno 2018 (9 min):

*

Quest’omelia disponibile anche in video:

 

 

*

Catechesi audio sul vangelo 2015 (31 min): 

*

v-to_google

*

INTRODUZIONE

La sezione del Vangelo di Marco che stiamo leggendo, nella liturgia domenicale, ha lo scopo di confermare, con la narrazione degli eventi, quanto avvenuto presso il Giordano, quando, riemergendo dall’acqua, si squarciarono i cieli e si udì la voce di di Dio mentre lo Spirito Santo si posava, come una colomba su Gesù. Ha lo scopo di confermare che Gesù è inequivocabilmente l’inviato di Dio, il Messia e Salvatore, e i fatti che hanno luogo dopo il suo battesimo dimostrano. Marco narra una serie ravvicinata, con brevi pennellate, una serie di guarigioni, sempre accompagnate dalla predicazione, con la quale Gesù arrivava al cuore della gente. Dunque parole nuove che arrivano al cuore e danno senso e segni di potenza che avvengono con la liberazione di indemoniati e guarigione di ammalati. E un popolo che lo circonda, mentre lui passa le giornate predicando e guarendo con la potenza di Dio Padre, mediante l’azione dello Spirito Santo che agisce in Lui.

La pagina evangelica di oggi, come di queste domeniche, è dunque una rivelazione continua, ma anche una domanda posta alla coscienza: Dio ha rivelato il suo Messia. E gli ha dato il segno della sua provenienza divina con gesti mai visti prima e parole mai udite prima: lo abbiamo accolto come il Messia nella nostra vita? Siamo suoi discepoli, che ripercorrono i suoi passi per usare parole e gesti tali che, pur senza compiere miracoli, rendono al mondo una testimonianza credibile della nostra fede in Cristo e della sua figliolanza divina?

(continua nell’audio-riflessione)

*

v-to_preghiera_1

Print Friendly