rotolo-della-scrittura

SOLENNITA’ DI CRISTO RE DELL’UNIVERSO

Michelangelo,_Giudizio_Universale_02

Quando il Regno sarà compiuto Cristo siederà sul trono della sua gloria e vi sarà il giudizio finale sul mondo  (Mt 25,31-46).

Allo stesso tempo il giudizio è qui ed ora. Si compie davanti alla scelta pro o contro Cristo e il suo vangelo; si compie davanti alla scelta di una vita pro o contro l’amore e la misericordia; si compie davanti alla scelta preferenziale dei poveri oppure nella pretesa dell’autosufficienza e dell’auto-salvezza.

*

Ascolta il vangelo: 

*

Omelia pronunciata nella Messa del giorno 2017 (11 min). Il giudizio che si compie qui ed ora; il giudizio della vita e il giudizio finale:

*

Catechesi audio 2014 (20 min): 

*

7227

INTRODUZIONE

La maggior parte delle persone, oggi, vive la propria vita senza più pensare a Dio… senza porsi il problema della fede. L’attuale generazione dell’umanità è quella che, per la prima volta nella sua storia, si è emancipata da Dio, da una visione religiosa della vita e del mondo e dalla fede. Non parliamo di tutti. Milioni di credenti vivono nel loro nascondimento quotidiano e sono testimoni dell’amore di Dio con una vita di fede fatta di semplicità e amore. Ma esiste anche una stragrande maggioranza di battezzati che, o vivono come se Dio non esistesse, oppure credono nell’esistenza di Dio e vivono come se le scelte della loro vita siano del tutto indipendenti dal loro rapporto con Dio… perché la vita ha le sue esigenze e chi “diventa pecora viene mangiato dal lupo”.

Gesù, nel vangelo di oggi, ci parla di un giudizio. La tradizione cristiana ha tramandato questo racconto idenficandolo con la descrizione di quello che viene chiamato “giudizio universale”.

E’ interessante farsi una domanda veloce e poi fare un istante di silenzio per darsi, nel silenzio della propria coscienza, una risposta. Qual è l’immagine che più velocemente si compone nella nostra mente quando diciamo: giudizio universale? (Attimo di silenzio)

Certamente il racconto di Gesù sul giudizio, per le immagini usate, alimenta dentro di noi questa immagine di una adunata incalcolabile di uomini e donne, di culture e di razze, tutti ai piedi di Gesù, il quale sta assiso sul suo trono, con accanto gli angeli a fare i cortigiani. Applichiamo delle immagini umane per descrivere qualcosa per il quale non vi sono immagini certe e comprovate. Perché nessuno ha visto il giudizio universale. Avverrà veramente così? Sarà questo lo svolgimento dell’evento più temuto dall’umanità?

Questa immagine rimane impressa anche nelle menti di coloro che non hanno mai avuto fede, o si sono allontanati da essa.

Dobbiamo ammettere che Gesù usa una immagine che conferma proprio questa nostra visione del giudizio universale.

E sarà come un tribunale.

Entriamo nel cuore del Vangelo per capire come stanno le cose… cosa Gesù sta cercando veramente di dirci.

(continua nell’audio-riflessione)

*

cristo-re_twitter*

cristo-re_preghiera

 

Print Friendly