natività

Natale del Signore (durante il ciclo A)

 

natività

AUDIO-RIFLESSIONE SUL VANGELO DELLA NOTTE DI NATALE 

Oggi… è nato, per voi, il Salvatore del mondo. (Messa della notte Lc 2,1-14)

 

Clicca qui per ascoltare l’audio-riflessione: http://www.enzocaruso.net/site/wp-content/uploads/2013/12/NAT-01-NATALE-DEL-SIGNORE-A-Oggi-%C3%A8-nato-per-voi-il-Salvatore-Messa-della-notte-Lc-21-14.mp3

 

Clicca qui se non hai ancora ascoltato la proclamazione del vangelo: http://www.lachiesa.it/bibbia/cei1974/mp3/Lc-2.1.mp3

 

INTRODUZIONE

Siamo giunti alla fine del nostro percorso di preparazione, cari amici. Il tempo liturgico dell’Avvento è finito e a partire da questa santa notte siamo entrati in quello del Natale.

Celebriamo l’Incarnazione e la prima nascita al mondo del Figlio di Dio, concepito nel grembo della Vergine Maria, e ci inchiniamo in religioso silenzio per accogliere la rinnovata venuta del Re che, ancora una volta, fa il suo ingresso nella storia del mondo, e senza corone e senza scettro, ma nel silenzio e nell’umiltà, per santificare il mondo e chiamare i cuori alla conversione e condurli al Padre. Celebriamo la gloria di Dio che si manifesterà alla fine dei tempi con la sua ultima venuta, quando Egli verrà per dare compimento al Regno iniziato con la sua nascita duemila anni fa.

Il mistero che irrompe questa notte come un lampo e illumina l’oscurità della vita è più grande di ciò che potremo mai contemplare e comprendere, dunque, restiamo in silenzio davanti alla rivelazione di un così grande amore di Dio e dilatiamo il nostro cuore per accogliere quanta più luce esso può contenere.

Manteniamo, in questa notte, uno sguardo religioso, e se non l’abbiamo mai avuto, invochiamo da Dio questo dono, perché ci porterà una nuova visione su tutte le cose.

Manteniamo uno sguardo religioso, perché fra qualche giorno la magia delle luci appese ai balconi finirà e al telegiornale ci faranno il resoconto se sarà stato un buon Natale o meno, semplicemente facendo il calcolo di quanto gli italiani hanno speso quest’anno rispetto all’anno prima. E se l’anno scorso dissero che fu uno dei Natali peggiori perché gli italiani avevano speso €400 milioni in meno, sappiamo che il mondo farà il suo resoconto del Natale in base a quanti scontrini fiscali sono stati rilasciati, e non in base a quanto amore è stato riversato sul mondo in nome del Bambino che è nato per noi.

Buon ascolto.

Print Friendly