fiaccolata16

L’Anno della Fede. La fede espressa nel “credo” della cultura napoletana

ESPRESSIONE DELLA FEDE NELLA LINGUA NAPOLETANA

di Marcello Ragucci

Riporto qui di seguito una bellissima espressione della fede nella lingua napoletana. Senza commento. Segue la traduzione. Con gratitudine a Marcello, che me l’ha inviata.

E.C.

_____________

Credo niceno latino

Credo (Simbolo Apostolico)

<La preghiera della professione di Fede recitata dai primi Cristiani>

Io credo in Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra;

e in Gesù Cristo, suo unico Figlio, nostro Signore, il quale fu concepito di Spirito Santo,

nacque da Maria Vergine, patì sotto Ponzio Pilato, fu crocifisso, morì e fu sepolto;

discese agli inferi; il terzo giorno risuscitò da morte;

salì al cielo, siede alla destra di Dio Padre onnipotente;

di là verrà a giudicare i vivi e i morti.

Credo nello Spirito Santo, la santa Chiesa cattolica, la comunione dei santi,

la remissione dei peccati, la risurrezione della carne, la vita eterna.

Amen.

————————————————————————————————————————————

Premessa:

Questa espressione del “Credo” nel tradizionale ma non stretto parlato “vernacolo napoletano”, che può essere considerato rappresentativo di tutti i dialetti della Campania, esprime nel modo più semplice, intimo e popolare la mia prospettiva di “relazione” con Dio che poggia sulla struttura portante della mia Fede in Lui.

Anche se segue il ritmo del Credo Apostolico, il testo mi è sgorgato dal cuore in modo naturale e fortemente sentito, pur se rafforzato nel suo sviluppo da una voluta reiterazione della risposta più razionale anche della mia mente: “E io ce Credo!

Se solo riesce a scendere nei cuori di chi lo leggerà e che si farà quindi partecipe del coinvolgimento quasi imposto dalla “parlata collettiva”, avrò forse dato un mio piccolo contributo alla espressione di Fede di persone semplici, legate alle proprie tradizioni e che sentono come parte di se stessi il rapporto con Dio..

Con affetto a Sua Eccellenza Orazio Soricelli, al caro don Angelo Mansi, a don Enzo Caruso.

Marcello Ragucci

 

E io ce Credo!

<‘A preghiera d’a Fede nosta, comme ‘a sentimme nuje>

 

Nu Dio grande e misericordioso, nu Dio ca è comme nu Pate pe nuje,

nu Dio che à creato chistu cielo e chesta terra … nce addà stà pe forza!

E io ce Credo!

 

Ma vuie ce pensate a ’na piccerella onesta e ‘ncoppa stà terra,

ca addiventa a Mamma ‘e Gesù!  ‘O Figlie ‘e Dio… ca vò venì ‘mmiezo a nuje,

che cu l’Ammore ‘ddo Pate, se fa omme comme ‘a nuje!

E io ce Credo!

 

Ma ce credite ca stù Dio à vuluto scennere proprie dint’ ‘e miserie noste,

se fatt’ prucessà da nuje, se fatt’ accidere da nuje?

E po’, comme è sempe a fine nosta, dint’ ‘a terra è furnuto,

e addò stanne l’ati muorte è iuto?

E io ce Credo!

 

Ma era nu Dio! E allora appriesso a tre iuorne… è resuscetate…, è vivo  n’ata vota!   

E mò, addò pò stà… si nu’ vicino ‘o Pate suoio!

S’’o mèreto proprio e potè giudicà a chi è muorte… e a chi è vivo ancora.

E io ce Credo!

 

Sì…, nce addà stà pe forza nu Spirito d’Ammore che da quanno Gesù stà ‘n cielo,

c’accumpagna dint’a chesta Chiesa d’uommene ‘e tutto ‘o munno,

e quanta Sante ànno vulute fà comme ‘a Gesù… fino a’ murì,

ma pure chi nun è Sante… , pò truvà lo stesso ‘o perdon… ‘e tutt’e peccat’ suoje.

 

E state a sentì…, nun è furnuto cà. Nu iuorne stù Dio ce vò purtà ‘a dò isso…, ’n cielo!

Pecchè si pure murimm’….,  nuje nun murimm’…, stamme cu isso… pe sempe!

E io ce Credo!

Accussì adda essere!

                 (Marcello Ragucci, Novembre 2012)

 

mani giunte croce

Traduzione letterale del testo napoletano:

 

E io ci Credo!

<La preghiera della nostra fede come la sentiamo noi>

 

Un Dio grande e misericordioso, un Dio che è come un Padre per noi,

un Dio che ha creato questo cielo e questa terra… deve esserci per forza!

E io ci Credo!

 

Ma voi ci pensate ad una giovane onesta di questa terra,

che diventa la Mamma di Gesù!  Il Figlio di Dio… che vuole venire in mezzo a noi,

che con l’Amore del Padre, si fa uomo come noi!

E io ci Credo!

 

Ma ci credete che questo Dio ha voluto scendere proprio nelle nostre miserie,

si è fatto processare da noi, si è fatto uccidere da noi?

E poi, come è anche sempre il nostro destino, è finito nella terra,

ed è andato dove sono gli altri morti?

E io ci Credo!

 

Ma era un Dio! E allora dopo tre giorni… è risuscitato…, è vivo un’altra volta! 

E ora dove può stare… se non vicino a suo Padre!

Se lo merita proprio di poter giudicare chi è morto… e chi è ancora vivo.

E io ci Credo!

 

Si…, ci deve stare per forza uno Spirito di Amore che da quando Gesù è salito al cielo,

ci accompagna in questa Chiesa fatta di uomini di tutto il mondo,

e quanti Santi hanno voluto fare come Gesù… fino a morire,

ma anche chi non è Santo…, può trovare comunque il perdono… di tutti i suoi peccati.

 

E ascoltate…, non è finita qua. Un giorno questo Dio ci vuole portare da Lui…, in Cielo!

Perché anche se moriamo…, in effetti noi non moriamo…, stiamo con Lui… per sempre!

E io ci Credo!

Così sia!

Print Friendly