rotolo-della-scrittura

IV DOMENICA DEL TEMPO ORDINARIO – ANNO B

 

Mc. 1, 21-28 e

*

Gesù parla con autorità nella sinagoga di Cafarnao e libera un uomo indemoniato. Il Regno di Dio è giunto. (cfr. Mc 1,21-28)

Nel circo mondano delle parole vuote e inutili, delle promesse false e dell’inganno, Gesù “insegnava loro come uno che ha autorità”. La sua parola penetra come una spada le coscienze e mette in fuga lo spirito el male che si nasconde tra il popolo di Dio, restituendo la purezza originaria all’umanità .  Nelle parole e nelle opere di Gesù si manifesta la potenza del Regno di Dio. E’ tempo di conversione e di adesione al vangelo della liberazione.

*

Ascolta il vangelo:

*

Omelia del giorno 2018 (10 min):

*

Omelia del giorno 2018 video (10 min):

Catechesi audio 2015 (32 min): 

*

iv-to_google

*

INTRODUZIONE

Conoscenza di Dio, liberazione e stupore sono alcuni dei temi che contraddistinguono il Vangelo di oggi.

Conoscenza di Dio. Noi credenti e praticanti sentiamo di conoscere Dio perché crediamo in Lui, partecipiamo alla vita liturgica della Chiesa e lo invochiamo nella nostra preghiera. E, in verità, chi crede ed esercita la sua fede può dire di conoscere Dio. Allo stesso tempo, viviamo la nostra vita immersi in un mondo dove i segni che ci ricordano la presenza di Dio sono rimossi, i simboli trasformati fino ad avere altri significati. E noi, come dentro una coperta che avvolge il mondo, siamo dentro anche noi e viviamo l’esperienza di come sia facile scivolare dentro un’esistenza che mostra i segni di NON conoscere Dio. Così, può capitare che qualche credente e praticante proclami con la voce di conoscere Dio, ma preghi e viva come se non ne sia tanto sicuro, e chiede a Dio di mostrarsi per poter credere. Ciò sta a significare come la nostra conoscenza sia fragile. Dunque la domanda: lo conosciamo veramente Dio?

Adesso noi vediamo in modo confuso, come in uno specchio; allora invece vedremo faccia a faccia. Adesso conosco in modo imperfetto, ma allora conoscerò perfettamente, come anch’io sono conosciuto” (I Cor 13,12).

(continua nell’audio-riflessione)

*

iv-to_preghiera_1

Print Friendly