avvento-mosaico_pe

II DOMENICA DI AVVENTO – ANNO B

frana
*

Una voce grida: nello spazio dei vostri deserti interiori e in quelli del mondo del nostro tempo preparate la via del Signore che viene.

Ascoltate la voce che vi guida nel deserto e siate la voce dell’araldo che annuncia al mondo di prepararsi a Colui che deve venire.

*

Ascolta il vangelo:

*

Omelia del giorno 2017 (11 min):

*

Catechesi audio 2014 (21 min): 

*

ii-avvento_google

*

deserto

*

INTRODUZIONE

Il mondo ha sempre avuto bisogno del Messia e sempre ne avrà bisogno. In ogni epoca della storia dell’umanità La violenza e la guerra saranno il segno del bisogno di salvezza che alberga nel cuore dell’umanità.

L’evoluzione nella storia dell’umanità ha portato all’estremizzazione di tutte le contraddizioni che ne minacciano l’esistenza. Il 10% della popolazione della terra possiede quasi il 90% dei beni della terra. La povertà e la disperazione dell’umanità di oggi richiama quella di Israele al tempo di Gesù.

Vi è un grido che sale dal cuore dell’umanità e che chiede salvezza.

Come Chiesa, noi credenti battezzati rappresentiamo La parte dell’umanità che proclama di aver sperimentato l’amore di Dio nella propria vita e nella storia del mondo. Non siamo i possessori di questo amore né di Dio. Ne siamo i beneficiari e i testimoni.

Ci viene chiesto di vivere la nostra vita nella coerenza verso i valori del Vangelo e di vivere nella comunione per mostrare al mondo che un nuovo modello di umanità è possibile. Un mondo più giusto e solidale è possibile. Ma al di sopra di tutto La comunione vissuta e testimoniata annuncia che, al di sopra di ogni giustizia sociale vi è una salvezza ancora più grande. Una salvezza che coinvolge questa vita e la sua storia e trasporta oltre i confini della morte. E la salvezza incarnata Le offerte all’umanità dalla carne e dal sangue di Gesù Cristo.

Come chiesa, siamo chiamati ad essere La ripresentazione della voce di quell’eremita Giovanni il quale viveva nel deserto. Siamo chiamati ad essere voce che grida nel deserto per annunciare che la costruzione del regno di Dio è un’opera già in atto e che si concluderà con la seconda e ultima venuta del Messia, nel giorno della sua gloria.

Siamo chiamati a vivere le parole del profeta, liberando i nostri cuori da ogni ostacolo che impedisce allo spirito di Dio di compiere il suo ingresso dentro di noi è, allo stesso tempo, a testimoniare l’amore perché l’umanità si converta e prepari anch’essa il proprio cuore alla venuta del Messia.

Si tratta di raddrizzare Le strade dissestate dell’umanità affamata e insanguinata dalla guerra e di preparare Le vie interiori dell’anima all’ingresso del Signore. Si tratta di far avanzare il regno di Dio mediante l’edificazione di una comunità umana giusta e solidale e che vive nella comunione che il vincolo dello spirito Santo che rende tutti i popoli una sola famiglia di Dio.

(continua nell’audio-riflessione)

*

ii-avvento_preghiera

Print Friendly