Schermata 2013-09-10 alle 22.53.49

Espressioni della fede popolare. Inno a S. Irene

Ecco un inno a S. Irene. E’ cantato dai fedeli di Magliano Nuovo (SA). Chi me lo ha inviato ha voluto mettere l’accento sulla devozione popolare e i suoi linguaggi, che partono dal cuore più che dal raziocinio, per mezzo dei quali i semplici, nel corso dei secoli, hanno sviluppato, a partire dal senso di fede della Chiesa, il “loro” linguaggio per parlare con Dio. Ovviamente l’Italia è ricchissima di questi esempi.

Riporto qui di seguito l’inno, con la sua traduzione, e una presentazione del testo e della devozione alla santa.

E.C.

____

Schermata 2013-09-10 alle 22.53.49

IRENE QUANNO NASCISTI

CU L’ANGELI PARLASTI

A ORA ORA TE CRISCISTI,

TUTTI FACISTI ‘NAMMURA’

A ORA ORA TE CRISCISTI

TUTTI FACISTI ‘NAMMURA’

NA STELLA AL MONDO PARISTI

QUANTE GRAZIE A DIO PURTASTI

TUO PATRE ‘NAMURASTI,

SPOSA TE VULIA FA’

TUO PATRE ‘NAMURASTI

SPOSA TE VULIA FA’.

SE RICIA PE LA CITTA’

CA IRENE E’ TROPPO BELLA

NUN A VULIMO ‘NGIMMA A UERRA,

REGINELLA A VULIMO FA’

NUN A VULIMO ‘NGIMMA A UERRA

REGINELLA A VULIMO FA’.

LU PATRE RE LA SANTA

STIA USTINATAMENTE

PARLAVA FRA LUI STESSO,

CUME L’AVIA PENZA’.

PARLAVA FRA LUI STESSO

CUME L’AVIA PENZA’.

PIGLIA E LA MENAO

INDA A NA CARCARA

CHIENA RE FUOCO ARDENTE,

PE FARLA VRUSCIA’.

CHIENA RE FUOCO ARDENTE

PE FARLA VRUSCIA’.

GLI ANGELI DAL CIELO CALARO

E RE STINNIENO LA MANO

E FORE LA CACCIARO,

LA IERO A LIBERA’.

E FORE LA CACCIARO,

LA IERO A LIBERA’.

PIGLIAO E LA MENAO

INDA NA CESTERNA

CHIENA RE ANIMALI FEROCI,

PE FARLA MANGIA’.

CHIENA RE ANIMALI FEROCI,

PE FARLA MANGIA’.

GLI ANGELI DAL CIELO CALARO

E RE STINNIENO LA MANO

E FORE LA CACCIARO,

LA IERO A LIBERA’.

E FORE LA CACCIARO,

LA IERO A LIBERA’.

LU PATRE RE LA SANTA

NUN ZAPIA CHE MORTE RE RA’.

LU PATRE RE LA SANTA

NUN ZAPIA CHE MORTE RE RA’.

LU PATRE RE LA SANTA

PIGLIAO E L’ATTACCAO

A LA CORA RE I CAVALLI,

PE FARLA STRASCINA’.

A LA CORA RE I CAVALLI,

PE FARLA STRASCINA’.

POI I CAVALLI PARLARO

PARLARO AD ALTA VOCE.

OHI PROTETTRICE SANTA

NU AVIMO CHE TE FA’.

OHI PRETETTRICE SANTA ,

NU AVIMO CHE TE FA’.

ALZANDO GLI OCCHI AL CIELO

VEDENDO LA MADONNA.

DICENDO AL CIEL COLONNA,

NU SACCIO CUME FA’.

DICENDO AL CIEL COLONNA,

NU SACCIO CUME FA’.

OH DIO DIO BUONO

PE PATRIMO NUN GE NU TRUONO.

TU CA SI TANTO BUONO,

VIENEMME AIUTA’.

TU CA SI TANTO BUONO,

VIENEMME AIUTA’

IRENE STINNIO LA MANO,

CU LU BRACCIO SINISTRO.

NU TRUONO CHIANO CHIANO,

SE LU IETTE A PIGLIA’.

NU TRUONO CHIANO CHIANO,

SE LU IETTE A PIGLIA’.

OHI CARA FIGLIA MIA,

PENZARTELA PUTIVI.

CA SULO A TI TINIA,

TE VULIA MARETA’.

CA SULO A TI TINIA,

TE VULIA MARETA’.

OHI CARO PATRE MIO,

SO A SEREVA RE DIO.

E A SEREVA RE DIO,

NUN ZE POTE RINNEGA’.

E A SEREVA RE DIO,

NUN ZE POTE RINNEGA’.

 

Traduzione:

Traduzione canto a Santa Irene protettrice di Magliano Nuovo (Salerno)

Irene quando sei nata, Con gli angeli parlasti Lentamente sei cresciuta E tutti facesti innamorare. Lentamente sei cresciuta E tutti facesti innamorare

Una stella al mondo sembrasti E quante grazie a Dio portasti Tuo padre ti vedeva innamorata E sposa ti voleva fare Tuo padre ti vedeva innamorata E sposa ti voleva fare.

Si diceva per la città Che Irene era troppo bella Non vogliamo fare guerra Regina la vogliamo fare Non vogliamo fare guerra Regina la vogliamo fare.

Il padre della santa Stava ostinatamente Parlava fra lui stesso, su come doveva pensarla. Parlava fra lui stesso, su come doveva pensarla.

La prese e la buttò In una fornace Piena di fuoco ardente Per farla bruciare. Piena di fuoco ardente Per farla bruciare.

Gli angeli dal cielo scesero E le posero la mano, e la tirarono fuori, andarono a liberarla. e la tirarono fuori, andarono a liberarla.

La prese e gettò In una cisterna Piena di animali feroci, per farla mangiare. Piena di animali feroci, per farla mangiare.

Scesero gli angeli dal cielo E gli posero la mano, e la tirarono fuori andarono a liberarla. e la tirarono fuori andarono a liberarla.

Il padre della santa Non sapeva che morte darle. Il padre della santa Non sapeva che morte darle. Il padre della santa

La prese e la legò Alla coda dei cavalli, per farla trascinare. Alla coda dei cavalli, per farla trascinare. Poi i cavalli parlarono, parlarono ad alta voce.

Oh protettrice santa, non sappiamo che farti. Oh protettrice santa, non sappiamo che farti.

Alzando gli occhi al cielo Vedendo la madonna Dicendo al cielo colonna, non so come fare. Dicendo al cielo colonna, non so come fare.

Oh Dio Dio buono, per mio padre non c’è un tuono, tu che sei tanto buono, vieni ad aiutarmi.

Irene stese la mano, col braccio sinistro, ed un tuono piano piano. Andò a prenderselo. ed un tuono piano piano. Andò a prenderselo.

Oh cara figlia mia, pensarlo potevi, che soltanto a te tenevo, e volevo maritarti. che soltanto a te tenevo, e volevo maritarti.

Oh caro padre mio, sono la serva di Dio. La serva di Dio Non può rinnegare. La serva di Dio Non può rinnegare.

 

Origine della devozione a S. Irene nel Cilento:

E’ una preghiera a Santa Irene, patrona dei fulmini, tuoni, tempeste e terremoti,in dialetto cilentano, esattamente di Magliano Nuovo in provincia di Salerno, dove il culto verso la Santa risale alla prima metà del 1700. E’ una devozione di origine greca, in quanto Santa Irene era di Tessalonica,e la venerazione è da collegare all’intercessione della Santa a favore del paese e dei suoi abitanti, infatti Magliano Nuovo, per la sua posizione elevata, è esposto particolarmente alla caduta di fulmini,e l’immagine della Santa è rappresentata appunto, con ai piedi delle case ed una torre che si innalza al cielo, che Lei come baluardo protegge dalle intemperie.La Chiesa universale festeggia Santa Irene il 5 maggio, ma Magliano Nuovo essendo la devozione molto forte, viene addirittura festeggiata tre volte, a maggio, agosto e ottobre!La preghiera riprende alcuni episodi della vita della Santa, che per non rinnegare la sua fede fu sottoposta ad una serie di atroci torture fino al martirio.

Print Friendly