evangeliario

Domenica del Battesimo di Gesù – Anno A

battesimo-gesu-zeffirelli-oil

AUDIO-RIFLESSIONE SUL VANGELO DELLA DOMENICA DEL BATTESIMO DI GESÙ – ANNO A

Appena battezzato, Gesù vide lo Spirito di Dio venire su di lui.  (Mt 3,13-17) Nel nostro battesimo, noi, nella Chiesa, partecipiamo alla medesima vocazione messianica di Cristo.

 

Riflessione breve (9 min) :

 

Audio-riflessione (24 min): 

 

Clicca prima qui se non hai ancora ascoltato la proclamazione del vangelo: 

 

 

INTRODUZIONE. Oggi celebriamo il battesimo di Gesù, e concludiamo il tempo della Manifestazione, ossia il tempo liturgico del Natale, aprendo, per alcune settimane, fino all’inizio della Quaresima, il Tempo Ordinario. Possiamo iniziare ponendoci alcune domande che scaturiscono dalla vita. Mi capita mai di pensare al giorno in cui sono stato battezzato, di immaginare il momento in cui sono stati lavato tre volte dall’acqua. So chi mi teneva in quel momento?

Se la risposta è no, non mi è capitato mai di pensare al giorno del mio battesimo, potremmo chiederci: che valore dò al mio battesimo, oggi? Oggi filmiamo ogni istante della nostra vita. Battesimi, Prime comunioni, Cresime, Matrimoni. Ma quanto veramente ricordo dell’aspetto religioso del sacramento che ho celebrato? Quanti, invece, sono i particolari che riguardano altro, e che continuo a raccontare ancora oggi, quando il discorso cade per caso, per esempio, sul giorno del matrimonio.

Quanti particolari si ricordano e si raccontano della coppia conosciuta nel giro di nozze fatto all’estero? E se dovessimo chiedere, quali letture sono state lette il giorno del sacramento, mi ricorderei? E ai genitori, vi capita mai di sedervi con i vostri figli e di sfogliare l’album delle foto del battesimo, e di raccontare loro ciò che quel giorno ha significato per voi, per la vostra fede? Facciamoci ancora alcune domande: Nella vita, vivo di ambizioni al punto da essere disposto a provocare la caduta degli altri? Cerco di obbedire alla volontà di Dio, oppure sono indifferente, seguo il mio istinto, faccio quello che voglio, e non mi curo di Dio. Se credo in Dio e mi capita di pregarlo, quale Dio invoco?

Il Dio giustiziere che deve castigare il mio avversario e intervenire a favore dei miei interessi? O il Dio della pace e della misericordia che sa come fare per proteggere i miei interessi e, allo stesso tempo, se lo vogliamo, evitare che ci scanniamo a vicenda?

Quanto so essere per gli altri, e per me, uomo della Speranza e della fiducia in Colui che tutto può, anche nei momenti più critici della Vita? Quanto sono capace di realizzare nei piccoli gesti quotidiani l’attenzione e la Carità verso gli altri? Perché queste domande? La risposta sta nel racconto del battesimo di Gesù, secondo la versione del Vangelo di Matteo.

(… continua nell’audio-riflessione)

Buon ascolto.

Print Friendly